Cura del giardino in autunno
Cura del giardino in autunno
Cura del giardino in autunno
Cura del giardino in autunno
Cura del giardino in autunno
Cura del giardino in autunno
Piano piano ci stiamo addentrando nella stagione autunnale, iniziano a cadere le prime foglie e la natura fa risaltare i caldi colori autunnali.

In questa stagione ci sono delle semplici attività che, se effettuate, permetteranno di preparare al meglio il giardino per lo stato di riposo vegetativo invernale e conseguentemente di poter trarne il meglio in primavera.

Prato

Se dovete rifare il prato, questa è la stagione migliore in quanto, l'assenza di infestanti annuali e le condizioni climatiche sono ideali per la germinazione dei nuovi semi o l'attecchimento dell'apparato radicale del prato pronto.

Per evitare di rifare completamente il manto erboso, si potrebbe procedere con operazioni straordinarie di manutenzione quali: la scarificatura e l'arieggiamento.

La prima operazione serve a rimuovere il materiale organico morto e a facilitare la crescita del nuovo mando erboso. Con l'utilizzo di un rastrello, o di un'arieggiatore, si raschia il manto erboso in modo da liberarlo da muschio e residui d'erba.

La seconda operazione si ottiene forando il terreno, con l'utilizzo di un forcone o con un macchinario apposito chiamato carotatore, per permettere la penetrazione nel terreno di aria e umidità.

In caso fossero presenti infestanti a foglia larga, l'autunno è il momento migliore per effettuare un diserbo selettivo.

Per quanto riguarda l'ultimo sfalcio, invece, si consiglia di alzare l'altezza del tosaerba per lasciare una certa superficie fogliare che servirà a difendere meglio il prato dal gelo.

Una volta effettuate queste operazioni si può concludere la cura del giardino con la concimazione finale.

 

Piante e alberature

Se nel vostro giardino ci sono piante che non sopportano le temperature rigide si possono esercitare dei piccoli accorgimenti per permettere anche a loro di sopravvivere, come ricoprirle con appositi teli e cappucci oppure, se in vaso, si può spostarle in zone più protette, ad esempio a ridosso dei muri rivolti a sud.

Un altro intervento importante è la potatura delle alberature che può essere di due tipi, di formazione e di mantenimento.

Mentre con la prima, in fase giovanile, si dà la forma desiderata alla pianta, con la seconda si ripristina l'effetto originario dopo una crescita eccessiva, in questo modo si otterranno fioriture migliori e la crescita di nuovi rami.

Concimare con un buon concime organico ed effettuare una buona pacciamatura con il fogliame ai piedi di alberi e cespugli.

 

Biolaghi e biopiscine

Anche per chi possiede un lago ci possono essere delle piccole operazioni per ottenere un buon riposo invernale. Si può procedere alla potatura delle piante della zona di filtrazione che permetterà un miglior sviluppo radicale durante l'inverno e un rinnovo più vigoroso della vegetazione nella stagione primaverile.

E' possibile inoltre coprire con una rete a maglia sottile la superficie del lago, durante il periodo di caduta delle foglie, in modo tale da evitare che vadano a decomporsi in acqua.

Vedi anche