Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Il Bacio sotto il vischio
Molto utilizzato dai Druidi, che conoscevano le sue doti benefiche, il vischio era considerato una pianta sacra.

Essi lo immergevano nell'acqua che distribuivano a chi la desiderava per guarire da qualche malattia e per preservarsi dalle malattie future e da diversi sortilegi.

Nel periodo natalizio il vischio viene utilizzato per comporre centro tavola e viene appeso sulle porte e tra le tante tradizioni c'è quella di darsi un bacio sotto di esso.

Ma da dove viene questa tradizione?

La Leggenda

Una leggenda celtica narra che il vischio era la pianta sacra di Freya (o Frigga), dea dell'amore, moglie di Ordino.

Freya aveva due figli, Loki, dio del male e della distruzione e Balder, il dio del sole e della luce. Quest'ultimo era un giovane forte e molto amato da tutti, per questo motivo il fratello maggiore lo odiava talmente tanto da volerlo morto.

Una notte Balder sognò che sarebbe stato ucciso, Freya, per evitargli quella sorte, partì per un lungo viaggio e andò dall'Aria, dal Fuoco, dall'Acqua e dalla Terra e da tutte le piante e gli animali a chiedere la promessa che nessuno facesse del male a suo figlio. Tutti promisero, ma la dea si dimenticò di chiederlo al vischio, perchè quella pianta non viveva nè sopra, nè sotto terra, ma su un albero di quercia.

Loki, scoperto che la madre non aveva chiesto al vischio, costruì con essa un dardo avvelenato con il quale uccise il fratello.

Per tre giorni tutti gli elementi cercarono di riportare in vita Balder. Fraya disperata, pianse sul corpo del figlio e le sue calde lacrime, a contatto con il vischio, si trasformarono nelle tipiche candide bacche e Balder si rianimò. Per la felicità Freya iniziò a ringraziare con un bacio chiunque passasse sotto l'albero su cui cresceva il vischio.

Da lì in poi la dea volle che chi sta sotto il vischio si baci per avere la sua protezione eterna, simbolo della vita e dell'amore che sconfigge la morte.

Ancora oggi questa pianta è un simbolo di fortuna, amore e protezione, viene utilizzata per decorare la casa, di solito appendendola sopra lo stipite della porta, oppure viene regalata come buon auspicio.

Il bacio sotto il vischio è una tradizione natalizia, si dice che se due innamorati si baciano sotto un ramoscello terrano lontani problemi e difficoltà, mentre se una ragazza che si trova sotto il vischio non viene baciata dal suo amato non si sposerà per l'intero anno a venire.

Vedi anche